Impara come gestire l’audio in Final Cut Pro X.

Esempio di clip audio

Esempio di clip audio

In questo articolo analizziamo tutte le varie funzioni applicabili alla gestione dell’audio delle clips video utilizzate in timeline di Final Cut Pro X.

Ogni clip registrata contiene una parte audio ed una parte video (registrazione standard da camera). In fase di audio editing e’ conveniente disabilitare o ridurre la visualizzazione della componente video per poter agire più efficacemente in audio.

Per fare questo Final Cut Pro X ci mette a disposizione, nel pannello di visualizzazione delle clips, in basso a destra dell’interfaccia, sia un selettore con cui decidere quale priorità di visualizzazione dare e sia uno slider x controllare meglio la stessa.

Pannello controllo Audio / Video

Pannello controllo Audio / Video

Possiamo quindi selezionare le voci di “Clip Appearance” oppure “Clip Height” per migliorare la visualizzazione della parte audio della clip su cui andremo ad agire.

Una volta evidenziata la traccia audio della nostra clip potremo controllare il volume muovendo il mouse sulla linea orizzontale che appare in clip aumentando o diminuendo il valore in decibel del nostro segnale audio.

Visualizzazione Livelli Audio

Visualizzazione Livelli Audio

Come mostrato in figura nella clip MVI_0633 qui presente abbiamo un segnale audio che da colore azzurro passa a giallo e poi rosso. Quest’ultimo indica il raggiungimento della soglia di distorsione, situazione che puo’ esser corretta cliccando appunto sulla linea orizzontale e trascinandola verso il basso.

E’ possibile visualizzare una anteprima grafica del segnale audio della clip in esecuzione, cliccando a destra del timecode del piccolo display centrale (Background Tasks) per ottenere sulla destra della timeline l’apertura di un pannello in verticale contenente due barre colorate ridimensionabili chiamato VU-METER.

fig4

VU-METER

Queste barre colorate passano dal verde al rosso indicando il valore in decibel di distorsione, qualora raggiunto, in cima alle barre stesse. La funzione e’ perciò molto utile dopo aver corretto il volume della clip per verificare se il valore e’ sceso a 0db oppure e’ ancora alto (es: 1db in rosso).

Taglio a J, L.

Cliccando sulla clip si ottiene la separazione in visualizzazione della componente video (superiore) da quella audio (inferiore).

fig5

E’ possibile trascinare il limite sinistro o destro per anticipare o ritardare l’entrata dell’audio rispetto al video determinando il cosiddetto taglio a J o L sulle clips.

Detach Audio.

Detach Audio

Detach Audio

Nel caso precedente audio e video rimangono “agganciati” quindi sincronizzati. Esiste la possibilita’ di “sganciare” la componente audio dalla video cliccando con il consueto tasto destro del mouse mentre ci si trova sulla clip in timeline. L’azione aprirà un menu a tendina dal quale possiamo scegliere la funzione “Detach Audio” ovvero distacca l’audio, scollega l’audio.

Il risultato e’ mostrato in figura seguente. Da qui in avanti possiamo trascinare audio e video dove vogliamo , in timeline.

fig6a

Correzioni sulla componente audio.

Fade In, Fade Out, ovvero attenuazione in ingresso o in uscita del segnale audio. cliccando sui “pulsantini” alle estremità della componente audio possiamo determinare l’attivazione delle attenuazioni del segnale audio.

fig7

fig7a

Cliccando con il tasto destro del mouse sul pulsantino possiamo decidere quale curva logaritmica dovrà seguire il nostro segnale audio durante l’attenuazione.

fig8

In questa maniera otteniamo un pieno controllo del nostro segnale audio in ingresso o in uscita , che si tratti di un segnale audio legato ad una conversazione oppure un segnale audio musicale , quindi una traccia o soundtrack.

Utilizzo del Range Selection per il controllo audio.

fig9

La funzione di Range Selection, attivabile sia da tastiera premendo “R” , sia da menu permette la selezione , in maniera precisa, di una sezione dell’audio che ci interessa modificare. Abbiamo visto in precedenti articoli che questa funzione può essere usata in ambito video per selezionare e copiare o tagliare parte di una clip completa che ci interessa utilizzare nel progetto video.

In ambito audio ci permette di “evidenziare” invece una parte della nostra traccia ed agire dentro di essa per determinare nuovi livelli di segnale audio.

fig9a

E’ quindi sufficiente attivare la funzione nelle modalità sopra citate e trascinare il mouse sulla componente audio trascinandolo da sinistra a destra o viceversa per selezionare l’area interessata. Il passo successivo consiste nel cliccare sulla linea di volume interna alla nostra selezione e abbassare o alzare la stessa. Final Cut Pro X inserisce, in questa fase, i keyframes che delimitano i punti su cui agire per determinare la variazione di livello audio.

fig10

Sempre sulla stessa linea di volume e’ possibile inserire manualmente altri keyframes cliccando sulla linea stessa mentre si tiene premuto il tasto “Alt” (option). Quest’ultima azione determina la creazione di ulteriori punti keyframes sui quali agire per “modellare” la nostra curva audio.

Audio nell’Inspector.

fig11

Come sempre, attivando la funzione di Inspector, possiamo accedere a pannelli di controllo del volume. Qui possiamo trovare funzioni di equalizzazione , riduzione dei rumori, disturbi eccetera.

In buona sostanza, in questi pannelli, possiamo controllare l’audio , in tutte le sue componenti ma risulta impossibile descriverne gli effetti in un articolo, consiglio di giocare con queste funzioni ed ascoltare l’effetto che si crea manipolando il segnale audio della clip in esame.

Effetti Audio.

fig12

In ultimo, un cenno alla possibilità di utilizzare, come già visto per la parte video, la libreria degli effetti , al cui interno, possiamo ritrovare effetti applicabili all’audio.

Il funzionamento e’ il medesimo già visto per l’applicazione degli effetti video. In questo caso conviene selezionare la categoria audio per “filtrare” ed escludere tutti gli effetti video e mantenere in visualizzazione solo gli effetti audio.

Selezionare quindi l’effetto audio voluto ricordando che e’ possibile ascoltare in anteprima l’effetto stesso semplicemente passando il mouse o azionando l’esecuzione tramite barra spazio. A scelta avvenuta si termina trascinando l’effetto sulla componente audio in timeline.

fig12a

In inspector troveremo, a questo punto, la voce di menu relativa all’effetto ed i controlli eventuali su cui agire per migliorare o modificare i parametri relativi allo stesso al fine di “personalizzare” il tutto.

Fin qui abbiamo visto le varie funzioni applicabili sostanzialmente all’audio importato dalle clips video. La libreria musicale e’ a disposizione per inserire invece effetti sonori o colonne sonore che Final Cut Pro X ci mette a disposizione prelevando questo materiale da iTunes (la nostra libreria musicale già installata) oppure da librerie musicali Final Cut Pro X o iLife installate in precedenza.

Conclusioni.

In questo articolo abbiamo visto una panoramica di tutte le varie funzioni che Final Cut Pro X ci mette a disposizione nella gestione personalizzata dell’audio, si tratti di voce o tracce musicali. L’approfondimento nonché i vari passi, più in dettaglio, relativi alla gestione dell’audio e’ , come sempre, disponibile nel video tutorial n.15 del video corso dedicato a Final Cut Pro X in vendita su questo sito.

Se gestisci l’audio in altre maniere oltre le modalità’ previste da Final cut Pro X e vuoi segnalarcelo, scrivici nei commenti qui sotto !